Il tema della cybersecurity ritorna a Milano, con la nona edizione della Conferenza Nazionale Cyber Warfare, un tavolo di lavoro tra esperti e accademici che anno dopo anno si confrontano sui temi della difesa, che sta evolvendo da passiva a attiva, e che si interroga sulla efficacia e sulla legittimità della risposta alle minacce cibernetiche. L’evento, organizzato dall’European Center for Advanced Cybersecurity (EUCACS) e da Inthecyber (azienda che opera nel mondo della Cyber Intelligence e Cyber Defense), fornisce un quadro complessivo delle minacce e della capacità di difesa del nostro paese, mettendo accanto alla difesa tradizionale di aria, terra, mare, spazio, anche il cyberspace. Un quadro che emerge anche dal Barometro Cybersecurity 2018 (già da noi analizzato) presentato nel corso della giornata milanese, che ribadisce la poca consapevolezza sul tema nonostante il panorama delle minacce sia sempre più sofisticato e aggressivo, verso imprese, servizi online, social, app. Società. Le contromisure coinvolgono un mix di profili, con impegno di tutti gli attori e delle nuove tecnologie per far fronte alle minacce. Ne parliamo nella videointervista con Paolo Lezzi, ceo di InTheCyber, curatore dell’evento. “Non vi è dubbio che è necessario continuare nella azione di aumento del livello di difesa, di consapevolezza diffusa della tipologia della minaccia – precisa Lezzi – ma avendo questi attacchi un forte riflesso sui valori patrimoniali delle aziende e sul Pil dei paesi, dobbiamo essere pronti ad intervenire per individuare le fonti di questi attacchi fino ad arrivare a depotenziare o neutralizzare gli attaccanti stessi

Intelligence e guerra informatica nel XXI secolo: come respingere più efficacemente le minacce cyber

MARIO CALIGIURI
2019

Abstract

Il tema della cybersecurity ritorna a Milano, con la nona edizione della Conferenza Nazionale Cyber Warfare, un tavolo di lavoro tra esperti e accademici che anno dopo anno si confrontano sui temi della difesa, che sta evolvendo da passiva a attiva, e che si interroga sulla efficacia e sulla legittimità della risposta alle minacce cibernetiche. L’evento, organizzato dall’European Center for Advanced Cybersecurity (EUCACS) e da Inthecyber (azienda che opera nel mondo della Cyber Intelligence e Cyber Defense), fornisce un quadro complessivo delle minacce e della capacità di difesa del nostro paese, mettendo accanto alla difesa tradizionale di aria, terra, mare, spazio, anche il cyberspace. Un quadro che emerge anche dal Barometro Cybersecurity 2018 (già da noi analizzato) presentato nel corso della giornata milanese, che ribadisce la poca consapevolezza sul tema nonostante il panorama delle minacce sia sempre più sofisticato e aggressivo, verso imprese, servizi online, social, app. Società. Le contromisure coinvolgono un mix di profili, con impegno di tutti gli attori e delle nuove tecnologie per far fronte alle minacce. Ne parliamo nella videointervista con Paolo Lezzi, ceo di InTheCyber, curatore dell’evento. “Non vi è dubbio che è necessario continuare nella azione di aumento del livello di difesa, di consapevolezza diffusa della tipologia della minaccia – precisa Lezzi – ma avendo questi attacchi un forte riflesso sui valori patrimoniali delle aziende e sul Pil dei paesi, dobbiamo essere pronti ad intervenire per individuare le fonti di questi attacchi fino ad arrivare a depotenziare o neutralizzare gli attaccanti stessi
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11770/295856
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact