Il Vat. Lat. 3140 e la storia del testo di Tibullo