La lotta alla discriminazione, come salvaguardia di un diritto, viene associata da recenti filoni analisi con un’azione di “promozione” delle diversità l’esaltazione non solo dei bisogni, ma anche delle risorse che derivano da una differenza. A questo si vuole aggiungere anche il processo di riconoscimento delle diversità che dovrebbe trovare ampio spazio nella programmazione didattica. La scuola diventa in tal senso un laboratorio privilegiato di osservazione per le esperienze che vi si intrecciano, sia personali, sia lavorative: le trasformazioni identitarie dei ragazzi; le storie professionali dei docenti; le attività intra-extra scolastiche degli educatori volontari. L’indagine qualitativa su discriminazione e scuola realizzata nell’ambito del Progetto Rete territoriale antidiscriminazione in Calabria, ha inteso partire da questi presupposti nell’obiettivo di analizzare la percezione e l'esperienza rispetto ai meccanismi delle discriminazioni.La ricerca sul campo che è stata condotta nell’arco di un semestre nel 2015, ha previsto la somministrazione di interviste qualitative semistrutturate e la realizzazione di un focus group. Nell’ambito del focus group il confronto-dibattito tra docenti ed educatori volontari è stato anche rivolto a raccogliere informazioni sulle azioni anti-discriminazione, andando a indagare l'eventuale esistenza di esperienze, o azioni che dovrebbero essere promosse, avendo cura di evidenziare le possibili relazioni di rete.

Evidenze e note a margine da un'indagine su discriminazione e scuola in Calabria

ELIA, Anna
2016

Abstract

La lotta alla discriminazione, come salvaguardia di un diritto, viene associata da recenti filoni analisi con un’azione di “promozione” delle diversità l’esaltazione non solo dei bisogni, ma anche delle risorse che derivano da una differenza. A questo si vuole aggiungere anche il processo di riconoscimento delle diversità che dovrebbe trovare ampio spazio nella programmazione didattica. La scuola diventa in tal senso un laboratorio privilegiato di osservazione per le esperienze che vi si intrecciano, sia personali, sia lavorative: le trasformazioni identitarie dei ragazzi; le storie professionali dei docenti; le attività intra-extra scolastiche degli educatori volontari. L’indagine qualitativa su discriminazione e scuola realizzata nell’ambito del Progetto Rete territoriale antidiscriminazione in Calabria, ha inteso partire da questi presupposti nell’obiettivo di analizzare la percezione e l'esperienza rispetto ai meccanismi delle discriminazioni.La ricerca sul campo che è stata condotta nell’arco di un semestre nel 2015, ha previsto la somministrazione di interviste qualitative semistrutturate e la realizzazione di un focus group. Nell’ambito del focus group il confronto-dibattito tra docenti ed educatori volontari è stato anche rivolto a raccogliere informazioni sulle azioni anti-discriminazione, andando a indagare l'eventuale esistenza di esperienze, o azioni che dovrebbero essere promosse, avendo cura di evidenziare le possibili relazioni di rete.
9788849847642
discriminazione; scuola; migrazioni
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11770/166960
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact