La dimensione a-possibile. Su un sapere inefficace e risolvente