In the capital of the pontifical State, to cope with the epidemic wave of mid-seventeenth century, were put in place a series of measures to prevent the risk of contagion. Among these measures stands out a survey of Campo Marzio, aimed to know the composition of the population of the district. Subject of particular interest was represented by the number of the poor, that, in case of plague, would need public assistance for their survival. The survey can be considered as a cognitive tool arranged by the Health board for the eventual health intervention. The survey reveals itself as a valuable source for understanding the demographic structure and the social composition of one of the most populated city district. From the papers of the volume emerges not only the composition of the different households, the age of their components and the kinship ties, but also the variety of crafts exercised and the plurality of origins of the inhabitants. So the source allows to be approached from both a systematic study on a quantitative basis and both a study on qualitative basis, to identify the social dynamics of an extremely varied urban district.

Nella capitale dello Stato ecclesiastico, per fronteggiare l’ondata epidemica di metà Seicento, fu approntata una serie di misure atte a prevenire e contenere il rischio del contagio. Tra queste si distingue una ricognizione del rione Campo Marzio volta a conoscere la composizione della popolazione del quartiere. Oggetto di particolare interesse era rappresentato dall'individuazionedel numero dei poveri, ovvero di quella fascia di popolazione che, in caso di peste conclamata, avrebbe avuto bisogno di usufruire dell’assistenza pubblica per la propria sopravvivenza. La ricognizione può essere considerata come uno strumento conoscitivo predisposto dalla Congregazione di sanità e teso a preparare il terreno per la successiva ed eventuale azione sanitaria. L’indagine si rivela agli occhi dello storico una preziosa fonte per la conoscenza della struttura demografica e della composizione sociale di uno dei più popolosi e compositi rioni della città. Dalle carte che compongono il volume emerge non solo la composizione dei diversi nuclei famigliari, l’età dei loro componenti e i legami di consanguineità, ma anche la varietà dei mestieri esercitati e la pluralità delle provenienze degli abitanti. Dunque la fonte permette di essere approcciata sia da uno studio sistematico su basi quantitative, sia da uno studio su basi qualitative interessato a individuare le dinamiche di un tessuto sociale estremamente variegato.

Conoscere la città per salvarla dalla peste: gli strumenti di indagine “statistica” durante la peste di Roma del 1656-57

SANSA, Renato
2014

Abstract

Nella capitale dello Stato ecclesiastico, per fronteggiare l’ondata epidemica di metà Seicento, fu approntata una serie di misure atte a prevenire e contenere il rischio del contagio. Tra queste si distingue una ricognizione del rione Campo Marzio volta a conoscere la composizione della popolazione del quartiere. Oggetto di particolare interesse era rappresentato dall'individuazionedel numero dei poveri, ovvero di quella fascia di popolazione che, in caso di peste conclamata, avrebbe avuto bisogno di usufruire dell’assistenza pubblica per la propria sopravvivenza. La ricognizione può essere considerata come uno strumento conoscitivo predisposto dalla Congregazione di sanità e teso a preparare il terreno per la successiva ed eventuale azione sanitaria. L’indagine si rivela agli occhi dello storico una preziosa fonte per la conoscenza della struttura demografica e della composizione sociale di uno dei più popolosi e compositi rioni della città. Dalle carte che compongono il volume emerge non solo la composizione dei diversi nuclei famigliari, l’età dei loro componenti e i legami di consanguineità, ma anche la varietà dei mestieri esercitati e la pluralità delle provenienze degli abitanti. Dunque la fonte permette di essere approcciata sia da uno studio sistematico su basi quantitative, sia da uno studio su basi qualitative interessato a individuare le dinamiche di un tessuto sociale estremamente variegato.
9788866112792
In the capital of the pontifical State, to cope with the epidemic wave of mid-seventeenth century, were put in place a series of measures to prevent the risk of contagion. Among these measures stands out a survey of Campo Marzio, aimed to know the composition of the population of the district. Subject of particular interest was represented by the number of the poor, that, in case of plague, would need public assistance for their survival. The survey can be considered as a cognitive tool arranged by the Health board for the eventual health intervention. The survey reveals itself as a valuable source for understanding the demographic structure and the social composition of one of the most populated city district. From the papers of the volume emerges not only the composition of the different households, the age of their components and the kinship ties, but also the variety of crafts exercised and the plurality of origins of the inhabitants. So the source allows to be approached from both a systematic study on a quantitative basis and both a study on qualitative basis, to identify the social dynamics of an extremely varied urban district.
Storia economica e sociale; Storia della peste; Storia di Roma
Economic and Social History; Plague; Rome
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11770/174011
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact