"El entenado" di J.Saer: l'altro come eclissi della conoscenza?