Quali effetti produce sulla forma di vita ciò che noi percepiamo come “tempo” e che indichiamo con questo termine? In che modo la consapevolezza di avere a disposizione una vita sola – la quale, nella sua essenza, altro non è che una quantità di tempo circoscritta - determina e condiziona le nostre azioni? Queste domande e le possibili risposte si collocano decisamente in un orizzonte etico prima ancora che teoretico e cosmologico: è certamente l’esperienza della caducità a consegnarci da sempre, fin dall’inizio - se di inizio ha senso parlare - alla dimensione della immanenza. Forme ed etica del tempo propone quattro aperture prospettiche su un problema decisivo per Nietzsche: l’esperienza e il manifestarsi della temporalità per il “soggetto”; la funzione performativa del pensiero del tempo nella determinazione dell’agire e della forma di vita; la funzione che il tempo svolge nei meccanismi psicofisiologici alla base di fenomeni come la coscienza e la volontà; e infine, l’esplorazione del rapporto tra verità e tempo in un orizzonte psicoanalitico come quello di Jung, profondamente segnato dalla influenza nietzscheana. Una ricognizione teorica e una ermeneutica il più possibile attenta alla base testuale e che si richiama in questo alla tradizione interpretativa filologica e filosofica della scuola di Mazzino Montinari e Giorgio Colli.

Forme ed etica del tempo in Nietzsche

L. Lupo
2018

Abstract

Quali effetti produce sulla forma di vita ciò che noi percepiamo come “tempo” e che indichiamo con questo termine? In che modo la consapevolezza di avere a disposizione una vita sola – la quale, nella sua essenza, altro non è che una quantità di tempo circoscritta - determina e condiziona le nostre azioni? Queste domande e le possibili risposte si collocano decisamente in un orizzonte etico prima ancora che teoretico e cosmologico: è certamente l’esperienza della caducità a consegnarci da sempre, fin dall’inizio - se di inizio ha senso parlare - alla dimensione della immanenza. Forme ed etica del tempo propone quattro aperture prospettiche su un problema decisivo per Nietzsche: l’esperienza e il manifestarsi della temporalità per il “soggetto”; la funzione performativa del pensiero del tempo nella determinazione dell’agire e della forma di vita; la funzione che il tempo svolge nei meccanismi psicofisiologici alla base di fenomeni come la coscienza e la volontà; e infine, l’esplorazione del rapporto tra verità e tempo in un orizzonte psicoanalitico come quello di Jung, profondamente segnato dalla influenza nietzscheana. Una ricognizione teorica e una ermeneutica il più possibile attenta alla base testuale e che si richiama in questo alla tradizione interpretativa filologica e filosofica della scuola di Mazzino Montinari e Giorgio Colli.
9788857547701
Nietzsche - Tempo - etica - volontà - coscienza - inconscio
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11770/274387
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact