I segnali discorsivi nel contatto linguistico: il caso di allora