Il carcere invisibile tra storia, realtà e immaginario