La prospettiva plurifunzionale consente di valutare in chiave assiologica gli strumenti della responsabilità civile. Ridimensionata l’idea del risarcimento come sanzione per un comportamento in sé lesivo, problema di fondo è quantificare il danno alla persona, tenendo conto dei concreti interessi lesi. La meritevolezza di questi ultimi va accertata alla stregua di criteri tratti dall’intero sistema, nella globalità dei suoi principi e valori. Al fine di conseguire l’imprescindibile risultato della riparazione integrale, occorre limitare il ricorso a parametri “prefissati”, rilevando la necessità di una tutela, anche di tipo punitivo, ispirata alla proporzionalità e alla ragionevolezza. L’art. 96, comma 3, c.p.c. permette di verificare la fondatezza della tesi che giustifica la funzione punitiva alla luce dell’esigenza di tutela effettiva dei diritti fondamentali. Se l’esercizio controfunzionale delle prerogative processuali – oltre ad avere riflessi sull’interesse pubblico alla deflazione del contenzioso civile – pone ostacoli all’attuazione di interessi esistenziali della parte, non è arbitraria l’irrogazione di una sanzione a carico del litigante temerario.

Riparazione e punizione nella responsabilità civile

LASSO, Anna
2018

Abstract

La prospettiva plurifunzionale consente di valutare in chiave assiologica gli strumenti della responsabilità civile. Ridimensionata l’idea del risarcimento come sanzione per un comportamento in sé lesivo, problema di fondo è quantificare il danno alla persona, tenendo conto dei concreti interessi lesi. La meritevolezza di questi ultimi va accertata alla stregua di criteri tratti dall’intero sistema, nella globalità dei suoi principi e valori. Al fine di conseguire l’imprescindibile risultato della riparazione integrale, occorre limitare il ricorso a parametri “prefissati”, rilevando la necessità di una tutela, anche di tipo punitivo, ispirata alla proporzionalità e alla ragionevolezza. L’art. 96, comma 3, c.p.c. permette di verificare la fondatezza della tesi che giustifica la funzione punitiva alla luce dell’esigenza di tutela effettiva dei diritti fondamentali. Se l’esercizio controfunzionale delle prerogative processuali – oltre ad avere riflessi sull’interesse pubblico alla deflazione del contenzioso civile – pone ostacoli all’attuazione di interessi esistenziali della parte, non è arbitraria l’irrogazione di una sanzione a carico del litigante temerario.
978-88-495-3645-4
Risarcimento - Multifunzionalità - Punizione - Effettività
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11770/279264
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact