Giotto e il ‘ritratto’ dei committenti