L'isola, l'epeiros e il santuario: una riflessione sull'anathema corcirese a Dodona