Dal corpo alle parole: la performatività tra tatto e udito