Il saggio intende dimostrare che la filosofia di G. E. M. Anscombe, formatasi fra Oxford e Cambridge, costituisce un vero e proprio ponte fra la tradizione aristotelica insegnata a Oxford nella prima metà del Novecento e le teorie di L. Wittgenstein di cui la filosofa fu allieva a Cambridge. In particolare il saggio si concentra sulle interpretazioni che la Anscombe fornisce del concetto di sostanza in Aristotele e di quello di stato di fatto in Wittgenstein.

G. E. M. Anscombe interprete di Aristotele e Wittgenstein

Annabella D'Atri
2019

Abstract

Il saggio intende dimostrare che la filosofia di G. E. M. Anscombe, formatasi fra Oxford e Cambridge, costituisce un vero e proprio ponte fra la tradizione aristotelica insegnata a Oxford nella prima metà del Novecento e le teorie di L. Wittgenstein di cui la filosofa fu allieva a Cambridge. In particolare il saggio si concentra sulle interpretazioni che la Anscombe fornisce del concetto di sostanza in Aristotele e di quello di stato di fatto in Wittgenstein.
9788840020808
Anscombe, sostanza, Aristotele, Wittgenstein
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11770/293674
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact