Dagli inferi della poesia, la cura civile del corpo