Il saggio concerne la messa in mora delle tesi avanzate da recenti correnti di pensiero, come la neuroetica, che riconducono il comportamento morale a possibili fondamenti biologici, neurologici ed etologici. In questo contesto, il Super-io perderebbe la sua connotazione di soggetto psichico addetto alle funzioni morali censorie e normative, per ridursi a “elemento neuronale dell’architettura cerebrale”, oppure a “componente strutturale dell’articolazione emozionale-corporea dell’umano”.

Tra neuroscienze e neuroetiche. Che fine ha fatto il Super-io freudiano?

Ines Crispini
2017

Abstract

Il saggio concerne la messa in mora delle tesi avanzate da recenti correnti di pensiero, come la neuroetica, che riconducono il comportamento morale a possibili fondamenti biologici, neurologici ed etologici. In questo contesto, il Super-io perderebbe la sua connotazione di soggetto psichico addetto alle funzioni morali censorie e normative, per ridursi a “elemento neuronale dell’architettura cerebrale”, oppure a “componente strutturale dell’articolazione emozionale-corporea dell’umano”.
978-88-6866-302-5
neuroetica, comportamento morale, soggetto morale
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11770/297799
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact