L’AUTODEPURAZIONE NEGLI INVASI-IL CASO DEL LAGO DI TARSIA