Uno dei fenomeni che sta destando una certa preoccupazione in molti ambiti della vita sociale è la crescente diffusione dell’odio online che sta interessando l’Italia e molti altri Paesi del mondo. Si tratta della presenza sempre più consistente sul web di discorsi di incitamento all’odio, discriminazioni e offese (esplicite o latenti) spesso rivolte a singoli individui o a specifiche categorie sociali sulle quali permangono ancora oggi pregiudizi (donne, migranti, disabili, omosessuali, ecc.), e che assumono forme diverse, dall’hate speech al cyberbullismo, dal revenge porn al flaming. Ciò premesso, la tesi che si vuole sostenere in questo lavoro è che queste diverse tipologie di comportamenti scorretti sul web danno forma ad una spettacolarizzazione dell’odio frutto sia della trasformazione della cultura emozionale, che ha incoraggiato l’individuo a esibire pubblicamente emozioni e sentimenti, sia della diffusione dei social media, le cui caratteristiche facilitano l’incitamento all’odio attraverso forme narrative dal forte contenuto discriminatorio

La spettacolarizzazione dell'odio. Considerazioni sociologiche su hate speech e cyberbullismo

Rosario Ponziano
2020

Abstract

Uno dei fenomeni che sta destando una certa preoccupazione in molti ambiti della vita sociale è la crescente diffusione dell’odio online che sta interessando l’Italia e molti altri Paesi del mondo. Si tratta della presenza sempre più consistente sul web di discorsi di incitamento all’odio, discriminazioni e offese (esplicite o latenti) spesso rivolte a singoli individui o a specifiche categorie sociali sulle quali permangono ancora oggi pregiudizi (donne, migranti, disabili, omosessuali, ecc.), e che assumono forme diverse, dall’hate speech al cyberbullismo, dal revenge porn al flaming. Ciò premesso, la tesi che si vuole sostenere in questo lavoro è che queste diverse tipologie di comportamenti scorretti sul web danno forma ad una spettacolarizzazione dell’odio frutto sia della trasformazione della cultura emozionale, che ha incoraggiato l’individuo a esibire pubblicamente emozioni e sentimenti, sia della diffusione dei social media, le cui caratteristiche facilitano l’incitamento all’odio attraverso forme narrative dal forte contenuto discriminatorio
978-88-255-3175-6
comunicazione, media, odio online, hate speech, cyberbullismo,
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/20.500.11770/302295
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact