I rischi del populismo sovranista: il caso americano