Riflessioni rapsodiche sulla giustizia penale al tempo del coronavirus