Elogio della “ragione sobria” di Giovambattista Vaccaro