“Eguale” o “plurale”? La cittadinanza e le sue possibili declinazioni in democrazia