Pedagogia idealistica e riforme scolastiche: un nesso organico?