Corpi contundenti. Confinamento carcerario, irriducibilità e dissociazione nelle rappresentazioni letterarie e mediali