Essere immortale. Tra narrazione e mediazione