Sulle metafore di Salvatore Quasimodo nella traduzione in lingua romena di A. E. Baconsky