Il Piano di emergenza costituisce il supporto esecutivo per la gestione delle emergenze con il massimo livello di efficacia. Affinché il Piano soddisfi tale esigenza, è necessario in primis definire gli scenari di rischio sulla base della vulnerabilità della porzione di territorio interessata, al fine di predisporre visions globali ed attendibili relative all’evento atteso; sulla base di queste, devono essere dimensionate preventivamente le risposte operative necessarie al superamento delle calamità, ponendo particolare attenzione sulla salvaguardia della vita umana. I modelli di intervento riguardano l’individuazione della quantità di vigili del fuoco e di volontari necessari, delle strutture di comando e di controllo, delle strade e degli itinerari di fuga, delle strutture strategiche e delle aree di emergenza. Queste ultime svolgono una funzione ricettiva, in quanto in esse vengono fatti affluire i materiali, i mezzi e gli uomini che intervengono nelle operazioni di soccorso, nonché la popolazione evacuata. Gli strumenti di pianificazione comunale individuano tali aree ed i relativi percorsi di accesso all’interno del proprio territorio amministrativo. I siti prescelti sono dunque soggetti a vincolo urbanistico, e possono avere carattere polifunzionale – venendo utilizzati, in condizioni ordinarie, per attività mercatali, fieristiche o sportive – garantendone così la continua manutenzione.

Qualità ambientale: metodologie di valutazione e strumenti di pianificazione

Margiotta N.;Palermo A.;Viapiana M. F.
2020

Abstract

Il Piano di emergenza costituisce il supporto esecutivo per la gestione delle emergenze con il massimo livello di efficacia. Affinché il Piano soddisfi tale esigenza, è necessario in primis definire gli scenari di rischio sulla base della vulnerabilità della porzione di territorio interessata, al fine di predisporre visions globali ed attendibili relative all’evento atteso; sulla base di queste, devono essere dimensionate preventivamente le risposte operative necessarie al superamento delle calamità, ponendo particolare attenzione sulla salvaguardia della vita umana. I modelli di intervento riguardano l’individuazione della quantità di vigili del fuoco e di volontari necessari, delle strutture di comando e di controllo, delle strade e degli itinerari di fuga, delle strutture strategiche e delle aree di emergenza. Queste ultime svolgono una funzione ricettiva, in quanto in esse vengono fatti affluire i materiali, i mezzi e gli uomini che intervengono nelle operazioni di soccorso, nonché la popolazione evacuata. Gli strumenti di pianificazione comunale individuano tali aree ed i relativi percorsi di accesso all’interno del proprio territorio amministrativo. I siti prescelti sono dunque soggetti a vincolo urbanistico, e possono avere carattere polifunzionale – venendo utilizzati, in condizioni ordinarie, per attività mercatali, fieristiche o sportive – garantendone così la continua manutenzione.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/20.500.11770/310451
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact