Note su linguaggio e conoscenza tacita tra Michael Polanyi e Noam Chomsky