Sedie, forbici e smartphone: cooperazione senza linguaggio?