“L’estero è il cuore. E noi il sangue”. Il nomadismo esistenziale di Aglaja Veteranyi