Il silenzio nel cinema contemporaneo