La solitudine del morente. Rileggendo Norbert Elias al tempo di Covid-19