Scienze sociali e scienze «hard» al tempo del coronavirus