Sinestesie e anamorfismi. Tra filosofia e letteratura