Ugolino Verino, Savonarola e la poesia religiosa tra Quattro e Cinquecento