La duplice natura del linguaggio