La fotografia come poetica dello spazio