Orfani di schemi. Irrequiete visioni, recondite armonie e ricerca dell’immaginario (o degli immaginari) a venire