Libera scelta del medico di base e del luogo di cura: manifestazione di un diritto assoluto o di un semplice interesse dell’assistito?