Verità e non-verità della poesia: Aristotele e Platone