Per un'antropologia dell'ambivalenza: la barra di Sheffer