Note sull'idea di infinito in Henry More