Su un nuovo metodo di rappresentazione di matrici di prossimità asimmetriche