Il trust anglosassone e la «corruzione» della situazione proprietaria