La protasi dell' "Elegia ad Fontium” di Angelo Poliziano (vv. 1-72) e un perduto poema di Bartolomeo Della Fonte