"Il «Cannocchiale aristotelico» e il classicismo (a proposito di una recente edizione)"