Wittgenstein, Schopenhauer e il bisogno di metafisica