Wittgenstein e Schopenhauer: volontà e rappresentazione nel Tractatus