LUIS J. PRIETO: UNO STRUTTURALISTA "ANALITICO"?