Temporalità e memoria del visuale. Conversazione con Georges Didi-Huberman